Damien Hirst’s “Treasures from the WRECK of the Unbelievable”/ Proliferazione corallina di molti pensieri e molte domande

Alla fine, ma in realtà dall’inizio, passata la Grande Statua della Sirena [n.d.r.] fuori da Punta>della>Dogana, mi rassegno e mi consegno all’abitudine tanto deprecata da me per prima di fare foto alle opere per tenere traccia di quello che ho visto. Quello che succede, dopo aver finito di visitare le due parti di Treasures from …

Leggi tutto Damien Hirst’s “Treasures from the WRECK of the Unbelievable”/ Proliferazione corallina di molti pensieri e molte domande

Annunci

-la post verità della post-verità del-

Qualche giorno fa, quantità arbitraria per non dire aleatoria di cicli sonno/veglia, ho comprato per la prima volta Robinson, attratta dalla copertina sulla post-verità, desiderosa di spippolarmi il cervello come piace a me e capire un po' più a fondo questo concetto attualmente (aggiungi leggera accezione english) molto pop, e che ora direi: ontologicamente inconoscibile; …

Leggi tutto -la post verità della post-verità del-

Parole del giorno 17102012

CONCRETO /kon'krɛto/ dal latino concretus, che poi vuol dire: solido. Che poi in inglese concrete vuol dire CEMENTO, quindi: costruire qualcosa di solido, e non in stato più facilmente mutevole, tipo: liquido; edificare il sé quanto il fuori da sé, semmai ci fosse davvero qualche differenza tra una casa e un corpo, tra l'identità e …

Leggi tutto Parole del giorno 17102012

EcografaMi

Vorrei che almeno una volta, mentre mi guardi, quello che vedi non ti rimbalzasse addosso, ma proseguisse, la traiettoria come un raggio X che affonda, che si impressiona come una lastra abissale nera e azzurrina di densità evanescente. Vorrei che per una volta, una sola, vedessi quale marchingegno di condotti, e pompe atrio/ventricolo, e scintille …

Leggi tutto EcografaMi

L’insostenibile labilità della memoria

Ho letto il libro, ma ricordo solo che mi era piaciuto. Ricordo poco e male ultimamente. Fotogrammi scorrono ai lati di un treno ad alta velocità, i paesaggi vengono risucchiati dalla direzioni e solo pochi dettagli si salvano, restando sospesi tra le pupille e il loro riflesso. Del film ricordo solo: che ho capito subito …

Leggi tutto L’insostenibile labilità della memoria

Spionaggio esistenziale

Voglio sapere chi mi ascolta quando non parlo. Voglio sapere dove sono le cimici e le microcamere. Voglio vedere la mappa su cui sono localizzati tutti i dispositivi e i registratori. Voglio sapere come fanno, loro, a modificare il tempo, così da inserire nel passato presagi del mio futuro, molliche e bottoni, scie di desideri …

Leggi tutto Spionaggio esistenziale