Meraviglie del continuum sonoro

Mi ricordo - è un ricordo vago, che ha quasi impressione fittizia, d'angolatura cinematografica - una sera in particolare, in cui ascoltavo storie raccontate per radio. Ero in una casa di montagna, a Veduggio, con un mio amichetto di allora che ero andata a trovare (i miei, amici dei suoi). Avrò avuto 3 o 4 anni, e …

Leggi tutto Meraviglie del continuum sonoro

Annunci

Una stanza tutta per sé

Virginia ti scrivo perché mi sembra sano. Ti scrivo dalla mia stanza, dal mio STUDIO. Ti scrivo con una certa riverenza, e un certo orgoglio. La mia stanza tutta per me. In realtà si tratta di una nicchia piuttosto ariosa in un open-space, una stanza seminterrata, più simile a un antro, una tana, che non a …

Leggi tutto Una stanza tutta per sé

Lussazioni della lingua

Cammino veloce nel sottopassaggio della stazione, perché ho paura di perdere il treno, e perché c'è il solito odore salmastro di piscio abusivo. Vedo chiazze di vernice - più chiara - a rattoppare le pareti - più scure - e occultare scritte a pennarello, e altre scritte a pennarello scarabocchiate sopra, intorno, che strillano come …

Leggi tutto Lussazioni della lingua

Appunti da Natura morta con picchio, Tom Robbins

p. 23 "La luna ha inventato i ritmi naturali. Il progresso civile li ha disinventati". Vedi >>> modi nuovi di morire Il pacchetto delle Camel come oracolo, la vera storia delle piramidi e la simbologia del cammello [la gobba come oasi interna nel deserto esterno] p. 162 "Il successo di una realtà esteriore dipende da …

Leggi tutto Appunti da Natura morta con picchio, Tom Robbins

L’insostenibile labilità della memoria

Ho letto il libro, ma ricordo solo che mi era piaciuto. Ricordo poco e male ultimamente. Fotogrammi scorrono ai lati di un treno ad alta velocità, i paesaggi vengono risucchiati dalla direzioni e solo pochi dettagli si salvano, restando sospesi tra le pupille e il loro riflesso. Del film ricordo solo: che ho capito subito …

Leggi tutto L’insostenibile labilità della memoria