Il vuoto orizzontale

La neve si ritira sui tetti come una gengiva bianca, sempre più sottile, sempre più vicina all'osso, scopre scaglie di terra bruciata. Non vedo muri davanti a me, ma ne sento uno proprio dietro, che spinge sul torace, fa cedere le ginocchia, inibisce il passo ma non lo spostamento. Avanza. Spinge, mi spinge verso il …

Leggi tutto Il vuoto orizzontale

Annunci

Tassonomia del dolore (ovviamente incompleto)

- Botta: si estende nel tempo con passaggi attraverso lo spettro luminoso dall'ultravioletto al blu cobalto, dall'arancione muffa crosta di formaggio al verdastro al giallino, che di solito circonda l'epicentro livido, come aureola di santità. Qualsiasi pressione esercitata - come su un pulsante - aziona il meccanismo del dolore, riproduce l'ematoma nella macchia delle connesioni …

Leggi tutto Tassonomia del dolore (ovviamente incompleto)

La ragazza con la macchia in faccia

La ragazza con la macchia in faccia girava marchiata di un voglioso livido cobalto per le metropolitane e i tunnel e le piazze schivando piccioni chicchi di mais braccialetti dell'amore bambini altezza ginocchia ombrelli a fiocina. Gli sguardi invece - coppie d'occhi come pesci in boccia - non li evitava mai perché erano troppo grandi, …

Leggi tutto La ragazza con la macchia in faccia

Cose che ho perso per strada

Arrivo per l'ora del the, mi raccomando, tieni le tazze ben in caldo nella lavastoviglie, nel suo vapore, così che quando la aprirai uscirà tutto, come una nuvola, un'ultima esalazione di fabbrica, un ultimo respiro e basta. Io arriverò con una zolletta di zucchero sotto la lingua, vestita di innumerevoli strati di veli colorati e …

Leggi tutto Cose che ho perso per strada

Ritenzione lirica

mangiare palline di carta dove ho appuntato ricordi, suggestioni e presagi. Masticarle impastanbole di saliva e poi giù nello stomaco, a sedimentare, al macero! E poi prendere altri folglietti scarabocchiati e stiparli ovunqe ci sia spazio, negli interstizi tra una cellula e l'altra - lo sai che la cellulite è una malattia, proprio come la …

Leggi tutto Ritenzione lirica

Il primo giorno di inverno

La temperatura che è allo Zero Assoluto solo uno sterminato bianco e freddo, tanto freddo così freddo che taglia, brucia, spacca la pelle e anche sotto e allora sotto il bianco, nasce una minuscola particella rossa insignificante. Che però esiste. Il sangue un punto di brace l'occhio di una foto sbagliata l'inizio concentrato nell'epicentro di …

Leggi tutto Il primo giorno di inverno