Il vuoto orizzontale

La neve si ritira sui tetti come una gengiva bianca, sempre più sottile, sempre più vicina all'osso, scopre scaglie di terra bruciata. Non vedo muri davanti a me, ma ne sento uno proprio dietro, che spinge sul torace, fa cedere le ginocchia, inibisce il passo ma non lo spostamento. Avanza. Spinge, mi spinge verso il …

Leggi tutto Il vuoto orizzontale

Annunci

Il cielo di Dalì

lo vedo dalla finestra, ritagliato in cornici rettangolari, infisso e affisso come un manifesto, una dichiarazione di indipendenza, lo statuto aereo/terroso della città. Il cielo si lancia dallo spazio, proiettandosi nelle sfumature senza alcuna illusione di profondità, ma con la reale mancanza di confini, e sconfina in tutte le sue dimensioni: sulle case, sui tetti …

Leggi tutto Il cielo di Dalì

Tassonomia del dolore (ovviamente incompleto)

- Botta: si estende nel tempo con passaggi attraverso lo spettro luminoso dall'ultravioletto al blu cobalto, dall'arancione muffa crosta di formaggio al verdastro al giallino, che di solito circonda l'epicentro livido, come aureola di santità. Qualsiasi pressione esercitata - come su un pulsante - aziona il meccanismo del dolore, riproduce l'ematoma nella macchia delle connesioni …

Leggi tutto Tassonomia del dolore (ovviamente incompleto)

Lussazioni della lingua

Cammino veloce nel sottopassaggio della stazione, perché ho paura di perdere il treno, e perché c'è il solito odore salmastro di piscio abusivo. Vedo chiazze di vernice - più chiara - a rattoppare le pareti - più scure - e occultare scritte a pennarello, e altre scritte a pennarello scarabocchiate sopra, intorno, che strillano come …

Leggi tutto Lussazioni della lingua

EcografaMi

Vorrei che almeno una volta, mentre mi guardi, quello che vedi non ti rimbalzasse addosso, ma proseguisse, la traiettoria come un raggio X che affonda, che si impressiona come una lastra abissale nera e azzurrina di densità evanescente. Vorrei che per una volta, una sola, vedessi quale marchingegno di condotti, e pompe atrio/ventricolo, e scintille …

Leggi tutto EcografaMi

Modi nuovi di morire

Lo chiamano PROGRESSO perché prima un sacco di gente moriva di raffreddore, di parto, semplicemente moriva prima perché c'erano meno aiuti e pianiMarshall per la sopravvivenza quotidiana. Oppure moriva e semplicemente non sapeva perché mentre ora lo sa e prima di morire può preoccuparsi molto di più, o forse prendere dei rimedi o delle precauzioni …

Leggi tutto Modi nuovi di morire