Damien Hirst’s “Treasures from the WRECK of the Unbelievable”/ Proliferazione corallina di molti pensieri e molte domande

Alla fine, ma in realtà dall’inizio, passata la Grande Statua della Sirena [n.d.r.] fuori da Punta>della>Dogana, mi rassegno e mi consegno all’abitudine tanto deprecata da me per prima di fare foto alle opere per tenere traccia di quello che ho visto. Quello che succede, dopo aver finito di visitare le due parti di Treasures from …

Leggi tutto Damien Hirst’s “Treasures from the WRECK of the Unbelievable”/ Proliferazione corallina di molti pensieri e molte domande

Annunci

S/conclusione su Fight club, il karma, l’essere: nuovi.

Tyler, Tyler, dico Tyler perché non mi ricordo il nome del protagonista di Fight Club, ma solo il Tyler Durden. Era Trent, Travis, Trevor... who knows, who cares. In ogni caso c'è un'assonanza, assonnata a quest'ora tarda, ora amara, amare ere, amare ore, ore, ora lieta. Quindi. Oh, tu, altro protagonista, vero protagonista, perdona la …

Leggi tutto S/conclusione su Fight club, il karma, l’essere: nuovi.

-la post verità della post-verità del-

Qualche giorno fa, quantità arbitraria per non dire aleatoria di cicli sonno/veglia, ho comprato per la prima volta Robinson, attratta dalla copertina sulla post-verità, desiderosa di spippolarmi il cervello come piace a me e capire un po' più a fondo questo concetto attualmente (aggiungi leggera accezione english) molto pop, e che ora direi: ontologicamente inconoscibile; …

Leggi tutto -la post verità della post-verità del-

Lotto Marzo, L’Uomo Nero e Tina Turner

Listening to: Tina Turner, What's love got to do with it etcetera etcetera. Mood: paura di scrivere banalità, senso di inadeguatezza, spirito di ricerca, archeologismo sperimentale, necessità catartica, piacere di battere sui tasti e d'espressione, necessità di trovare un modo di iniziare questo testo, di dire qualcosa, forse non voglio dire davvero niente, forse dirò più di …

Leggi tutto Lotto Marzo, L’Uomo Nero e Tina Turner

La città è invisibile

Mi sono sempre piaciute le città. Anche solo la parola: città, evoca in me un'impressione paradossale: entropia, folla e istantanea: solitudine. La citazione che introduce L'atlante delle città perdute è di Italo Calvino, tratta da Le città invisibili (che mi sono ripromessa di leggere). Mi sono chiesta allora, più dettagliatamente, quale sia la mia idea …

Leggi tutto La città è invisibile

Meraviglie del continuum sonoro

Mi ricordo - è un ricordo vago, che ha quasi impressione fittizia, d'angolatura cinematografica - una sera in particolare, in cui ascoltavo storie raccontate per radio. Ero in una casa di montagna, a Veduggio, con un mio amichetto di allora che ero andata a trovare (i miei, amici dei suoi). Avrò avuto 3 o 4 anni, e …

Leggi tutto Meraviglie del continuum sonoro