Verginity – C’è sempre una seconda volta


togliere dalla pelle la pelle
morta
esfoliare la prima carne
perché poi possa morire anche quella
ricostruirsi e replicare
quella membrana sottile
mettere l’urlo sottovuoto
nella bolla di neve
che sigilla dalla polvere e tiene al riparo
preserva dall’intrusione violenta, dai colpi percossi che arrivano
a sbattere le ossa
dal freddo e dal caldo
solo per poter replicare anche quella, anche quelli
anche questa
intrusione
azione di spionaggio
di periscopi e penetrazioni e polvere da sparo
tra valli e mari e monti
di Venere

solo per sentire di nuovo
la punta che buca
lasciando aperto il passaggio

in cui s’infilano e corrono at/traverso
treni a vapore, epoche e ferraglie
e abiti vuoti e pieni
e spoglie, stendardi, lenzuola sporche e detriti
tetti di neve e panchine di maggio
in cui entrano teste di cazzo
ed escono teste di bambini
sangue grida e sorrisi

e la verità si spacchetta
davanti ai tuoi occhi
ti investe e ti sorpassa
lasciandoti addosso
il solo un segno bianco
che scivola con tutti gli altri
dalle pupille
in fondo in fondo
al cranio

Annunci

4 pensieri su “Verginity – C’è sempre una seconda volta

  1. Slimer

    Beh si certo mmh proprio come ne La Strada dai versi emerge una chiara morbosa voglia di descrivere il tutto, una forma di panismo degna del miglior D’Annunzio.
    E poi lo schizzo c’entra sempre. Uno tsunami di piacere incontrollato. Un’onda anomala che sbatte forte. Onomatopea al 99,99%.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...